Anna Paola Paiano

Gianpasquale Preite

 

Dottore di ricerca in “Pedagogia e scienze dell'educazione” presso l'École Doctorale Internationale, Università degli Studi di Foggia. Laureata in Lingue e Letterature Straniere presso l'Università del Salento. É Vicepresidente della Spin-off Universitario Tinada srl, azienda che opera nel campo della comunicazione integrata pubblica e privata. I suoi lavori di ricerca si focalizzano sullo studio e il design di ambienti di apprendimento digitali. 

Ha conseguito il titolo in Dottore di Ricerca in Pedagogia e Scienze della Formazione con una tesi dal titolo 'Progettazione partecipata di un ambiente digitale di apprendimento: il progetto Mediaevo'. La tesi rappresenta il punto di arrivo di un percorso di ricerca triennale di indagini sui nuovi media e la loro applicazione nei contesti di apprendimento formali e non formali. 

Il lavoro si articola in quattro parti. Nel primo capitolo si analizzano le caratteristiche dei cosiddetti “nativi digitali” e delle risorse per l’apprendimento nel panorama mediatico contemporaneo, attraverso una proposta di fenomenologia dei nuovi media che ha avvio dall’analisi degli usi delle tecnologie della comunicazione nel contesto extrascolastico.

Nel secondo capitolo si discute il rapporto tra gli studenti e i nuovi media e si analizzano le potenzialità didattiche degli ambienti digitali che, attraverso innovative interfacce didattiche, offrono all’utente la possibilità di co-progettare il percorso di apprendimento e non semplicemente di fruire di un flusso di informazioni. In questa sezione, che rappresenta la parte più consistente del lavoro, si entra nel vivo della progettazione dell’interfaccia del sito “Colore della storia” e si sintetizzano i risultati della ricerca con riferimento allo sviluppo dell’interfaccia grafica e della struttura del sito didattico.

Nel terzo capitolo prosegue la descrizione dello sviluppo prototipale del sito didattico. Le componenti di un ambiente di apprendimento costruttivista sono rilette alla luce dello scenario tecnologico contemporaneo. Si descrivono, inoltre, alcune fasi salienti del processo iterativo di progettazione partecipata che ha coinvolto studenti, discenti ed editori. Qui il focus è sulle possibili attività didattiche che gli studenti potrebbero realizzare negli spazi del sito con l’ausilio di materiali multimediali appositamente predisposti dalla redazione.

Il quarto capitolo, infine, delinea le possibilità di utilizzo in aula del prototipo sviluppato e offre indicazioni critiche sul ruolo del docente e delle tecnologie in un modello didattico basato sull’uso di ambienti a realtà mista o cross-mediale. Il contributo nello sviluppo del prototipo del sito didattico “Colore della storia” rappresenta il risultato più significativo del lavoro e l’elemento che potrebbe permettere, in un prossimo futuro, ulteriori studi nell’ambito del complesso binomio tecnologie-didattica.